venerdì 29 aprile 2016

LE RIPARAZIONI. QUANDO NON SEMPRE MERITANO UNA SECONDA POSSIBILITÀ

Strappi, buchi, toppe, non sempre sono una soluzione alla vita dei tuoi vestiti!
  
Calzini bucati da cucire
A volte è necessario lasciar andare quei vestiti:
  • non è eticamente sostenibile, devi buttare le cose che potresti nuovamente indossare;
  • non è moralmente perseguibile, potresti riciclare invece che buttare;
  • non appartiene alla cultura occidentale, ma non ti dico di fare ordine e non ti parlo di feng - shui. Ti dico di liberarti dal delirio che ti condiziona: gli altri. O meglio, gli altri cosa dicono di me, se indosso una cosa, piuttosto che un'altra.
Pantaloni in fase di imbastitura: ripara e indossa.
Riparare è un'abilità che parte da te.
Sei tu a decidere se vale la pena portarmi qualcosa da aggiustare.
Questi pantaloni, mi sono statati portati perché sono comodi, sono una seconda pelle, sono una moda normale che va riparata.


Fai un'analisi di quanto il tuo armadio sia straripante di vari capi che non indossi.

Tu devi liberarti di ciò che non indossi.
Il tuo progetto è quello di non dare una seconda vita a tutti i tuoi vestiti, ma di scegliere quelli che, indossandoli, ti fanno stare bene. Di riparare ciò che indossato senti come seconda pelle.
Datti la possibilità di indossare solo ciò che ti fa essere te stessa/o.

Iniziamo a definire un obiettivo, come fanno i manager, perché, tu, della tua vita sei il capo.
I manager usano gli obiettivi SMART.
Iniziamo con gli obiettivi:
  • Specifico: 5 capi dentro al tuo armadio. Te ne devi liberare, decidi tu se portarli in eco centro, dentro i contenitori della Caritas, donali a una persona a te vicina, crea con qualcuno uno swap party;
  • Misurabile: quei 5 capi devono essere tolti dal tuo armadio entro 2 settimane, e la tua coscienza valuterà il tuo impegno preso;
  • Realizzabile: l'obiettivo non è impossibile e lo devi realizzare. Fare questo ti permette di avvicinarti di più a te stessa/o, e meno alle opinioni degli altri ;
  • Tempo determinato: ti do un massimo di 2 settimane, così ti puoi organizzare e non cerchi scuse per prorogare.

COSA DEVI FARE, A QUESTO PUNTO?


L'unica cosa che devi fare è guardare e buttare le tue paure.

Libera dal tuo armadio ciò che non ti appartiene,
conserva e mettiti ciò che ti riguarda veramente.

Se i tuoi vestiti meritano una seconda possibilità, indossali,
e se sono rotti, e li vuoi, aggiustiamoli!