venerdì 8 aprile 2016

E LA LAUREA A COSA TI SERVE? VITA SU MISURA

Lavoro manuale e laurea, quante volte ho sentito: "e la tua laurea allora a cosa ti serve? Dovevi laurearti nella moda. La tua laurea è stata tempo perso. "
Sia chiaro, parlo della laurea, ma non la considero necessaria, conosco veramente tante persone in gamba, capaci, interessanti, con titoli scolastici vari.
Mi rivolgo alle persone che dopo aver investito loro stesse/i con impegno la disprezzano con tormento.
Ti racconto la mia esperienza!


Quante volte le persone disprezzano la laurea di altri, ma peggio ancora la propria.
Non parlo mai della mia laurea, ma si, posso pubblicamente dire che pur lavorando e cambiando vita andando a convivere, l'ho ugualmente voluta nel 2009, e l'ho conseguita nel 2014.

Il passaggio che nessuno spiega, che nessuno ti insegna, è quello di capire il tuo progetto di vita, la tua strada.
Ti dicono di studiare senza prospettive future, ma non si può studiare così per impegnare il tempo, con la paghetta dei genitori, che non ti responsabilizzano e prolungano la tua tardo adolescenza.

Come ogni cosa, mi ripeto dicendo che, dipende tutto dal tuo progetto di vita, ma ti raccontano cazzate, sul lavoro, sulla vita, sul tesoro che troverai all'origine dell'arcobaleno.

Se ti capita di studiare qualcosa che ti piace, e, questo ti farà trovare il lavoro nel campo in cui hai studiato, nessuno dice niente, altrimenti la laurea è considerata merda, ma ti dicono di farla!

NO, non è così!

Lo studio universitario ti porta ad un altro livello, ti da i mezzi per costruire la tua vita professionale.
Devi possedere degli strumenti per coglierne questa evidenza, altrimenti qualcuno te lo deve dire!
Il lavoro non è più quello che le persone ci raccontano con nostalgia, ma io parlo di Carriera F.
Iniziamo a non avere paura della flessibilità e a costruire la nostra vita lavorativa!


IO


Ho giocato le mie pedine, mi sono formata, ho fatto lavori di vario tipo, alcuni per necessità e altri per interesse:

  • baby sitter, volantinaggio, call center,
  •  cameriera in pub serale, 
  • cameriera in trattoria il cui target era: operai a pranzo, 
  • servizio civile per i ragazzi disabili dell'università di Padova, 
  • operatrice per persone disabili durante le vacanze estive e invernali, 
  • universitaria,
  •  nel mobilificio svedese riempio gli scaffali dalle 5 alle 9 del mattino, 
  • formatrice per l'orientamento alla ricerca del lavoro, 
  • sarta apprendista. 
Ecco io sono sempre stata me stessa!
Sapevo dove dovevo andare, ma avevo paura di non riuscire a farcela!

La laurea mi ha dato la direzione.
Le persone che mi hanno seguita nel mio tirocinio universitario da formatrice del lavoro, hanno, a loro insaputa, cesellato il mio percorso.

Se anche tu fai parte della carriera F, non hai sbagliato la tua strada, per quanto possa essere difficile, stai facendo il tuo percorso SU MISURA!